Testos  Testi  Lyrics  Paroles  Texte
  1. 1.Naschida

  2. 2.Piubere

  3. 3.Anna Maria

  4. 4.Chigula

5. Badde lontana

  1. 6.Su c’amo

  2. 7.Nanneddu meu

  3. 8.Omine

  4. 9.Non potho reposare

  5. 10. Lughe ‘e vida mia

  6. 11. Astrolicamus

  7. 12. Ninna nanna ’85

 

1. NASCHIDA

(Gavino Murgia / Stefania Deluigi)


Sulat su ‘entu

Arveschet su sole

una ‘emina dande sa vida

Bolana ecos de amore


Grundines levias in chelu

Ridet su sole

Ocros de anghelu

Undas luchentes de lentore


Naschida

Prantos de allegria

Intro ‘e s’anima mia

A pitu d’aba sas raichinas

Chilliana sas chimas

Naschit sa vida


Boches de pipios

Caentan su coro

Ballan sos pilos

Che filos de oro


Sos isteddos de Laretu*

Vroccana che nie

Sa vida ponet apretu

E naschit sa die


* Le stelle cadenti della notte di S.Lorenzo


10.08.13                A DANIEL




2. PIUBERE

(Salvatore Scala / Giuseppe Gadau)


Tue ses naschida, tue ses creschida

Sempre umpare a mie

Appo risu deo, appo piantu deo

Che a tie


Dae sa terra tua a su coro meu

Curret unu filu

Fattu ‘e piubere chi non bolat

Puru si…


Tirat gai entu, gai forte chi

Trajnat s’ammentu

Su pius biu


Tue no, piubere ’e Sardigna

Tue no, tue calas subra a mie                

E tue,  piubere ‘e Sardigna

Tue non bolas


In sas roccas tuas, in sa cara mea

Segnos de su tempu

Parent lagrimas de un arcanu riu

Siccu già


Dae su coro tou a sa mente mia

Curret un’ispera

Fatta ‘e piubere chi non bolat

Puru si…


Tirat gai entu, gai forte chi

Trajnat  s’ammentu

Su pius biu


Tue no, piubere ’e Sardigna

Tue no, tue calas subra a mie                 

E tue, piubere ‘e Sardigna

(Tue non bolas ) 2v.


Dae sa terra tua a su coro meu               

Dae su coro tou a sa mente mia




3. ANNA MARIA

(Giuseppe Gadau - Stefania Deluigi - Zuanni Mulas)


Iscorat travuntana su leone

e tucat a su monte Anna Maria

iscurta, istrazzolada, illivrinia,

rosicand’unu pizzu de immisone.


Tenet sutta su brazzu unu serrone

de cana, unu loreddu, un’ortulia,                     

e surcat, surcat supra sa iddighia

che fantasma in istrana visione.


Andat oscura martire, e che perdet

sas ungras de sos pes e si chimentat              

sa carena i’ su boscu aspru e reverde.


Non timet, non pranghet, nen lamentat,

ma ricambiat sa linna

Non timet, non pranghet, nen lamentat,

ma ricambiat sa linna in soddos trese

de tumbada e amarissima pulenta.


Non timet, non pranghet, nen lamentat,




4. CHIGULA

(Mario Chessa / Franco Castias)


Happo sas lughes de s’anima

Allumadas dae sa prima a s’urtima

E bos canto su cantu ‘e sa chigula

A s’istiu m’hana promiss’isposa

Promiss’isposa, ando promiss’isposa


In s’istagione ‘e sa merula

Froccat su frore ‘e sa mendula

Deo bos canto su cantu ‘e sa chigula

Ca non giutto unu coro ‘e frommiga

Tabula rasa sa frommiga operosa

Tabula rasa sa frommiga operosa


Ola sa foza ‘e sa rosa

Intr’e sa ucca ‘e s’istiu

Mirade: apparitzada est sa mesa

De cantu b’hat, de cantu b’hat

A su mundu, su mundu chi crasa

Cola colande che riu

Chi tantu, tantu s’igerru non lassat

Nudda, nudda…




5. BADDE LONTANA

(Antonio Costa / Antonio Strinna)


Sutta su chelu de fizu meu
como si cantat finza tres dies:
Badde lontana, badde Larentu
solu deo piango pensende a tie.

Mortu mi l'hasa chena piedade
cun d'una rocca furada a Deu:
Badde lontana, badde Larentu
comente fatto a ti perdonare?

Zente allegra e bella festa,
poetes in donzi domo.
Chelzo cantare, chelzo pregare
ma non m'ascurtada su coro meu.

Dami sa manu, Santu Larentu,
deo so gherrende intro a mie.
Dami sa manu, chi so gherrende,
fàghemi isperare umpare a tie.



6. SU C’AMO

(Antonio Mula / Ignazio Serra)


Amo cantu in su mundu est armonia

Cantu est luche divina e risplendore

Amo sa dulche e santa mamma mia

Amo sas rosas, amo ogni fiore


Ed amo su soave murmuriu

De sas luchidas undas de su riu

Amo de sos puzzones su cantare,

sas istellas, sa luna ei su mare


Amo sas aruoras de viola

E m’innamoran sos tramontos d’oro

Amo sa zente trista, orfana e sola

E li dia donare inta su coro


Ma però pius de tottu sos d’istella

Ojos tuos lucente amo bella

Sos ojos tuos bellos de zaffiru

Chi furan dae su coro su suspiru




7. NANNEDDU MEU

(Nicolò Rubanu - Tonino Puddu - Peppino Mereu)


Nanneddu meu

Nanneddu meu su mundu est gai,
a sicut erat non torrat mai


Semus in tempos  de tirannias,
infamidades  e carestias.
Como sos populos cascant che cane,
gridende forte: “Cherimus pane! “

Famidos, nois semus pappande
pan’e castanza, terra cun lande.
Terra ch’a fangu torrat su poveru
senz’alimentu, senza ricoveru.

Nanneddu meu

Nanneddu meu su mundu est gai,
a sicut erat non torrat mai.


Semus sididos in sas funtanas,
pretende s’abba parimus ranas.
Peus su famene chi, forte, sonat
sa janna a tottus e non perdonat.

Nanneddu meu

Nanneddu meu su mundu est gai,
a sicut erat non torrat mai.


Cuddas banderas numeru trinta,
de binu’onu, mudad’hant tinta.
Appenas mortas cussas banderas
non piùs s’osservant imbreagheras.



8. OMINE

(Salvatore Scala / Giuseppe Gadau)


Tue chi non cheres

Cambiare sa vida tua

Frimmare su tempu

Mezus no, mezus no


Tue chi non cheres

Pensare a unu crasa chi

Ti paret nemigu

Mezus no, mezus no


Omine, non timas sa vida

Non timas sa vida

Sa vida ses tue

Omine, sa notte est finida

E una giara albeschida

Caentat su die


Tue chi non podes

Tue chi “No est pro a mie”

Tue chi non pones mente mai

Mezus no


Tue chi su chelu

Tias poder toccare… ma

Pianghes et rues

Como no, como no


Isculta su coro tou

Isculta sa mente tua

Su chi tenes intro a tie

Como si, como si


Omine, omine

Sa notte est finida

Non timas sa vida




9. NON POTHO REPOSARE

(Giuseppe Rachel / Salvatore Sini)


No potho reposare amore e coro

pensende a tie so donzi momentu

no istes in tristura o prenda e oro

ne in dispiaghere o pensamentu


T’assicuro chi a tie solu bramo

ch’a t’amo forte t’amo t’amo e t’amo.

 

Si m’essere possibile d’anghelu

s’ispiritu invisibile piccavo

sas formas che furbo dae chelu

su sole e sos isteddos che formavo

unu mundu bellissimu pro tene

pro poder dispensare cada bene.


Lizzu froridu candidu che nie

sempre in coro meu ses presente

amore meu amore meu amore

bive senza amargura ne dolore.


T’assicuro chi a tie solu bramo

ch’a t’amo forte t’amo t’amo e t’amo.




10. LUGHE ‘E VIDA MIA

(Ignazio Perra - Pasquale Perra)


Aninnia, aninnia

Anninnare, anninnia


Drommi anima mia

Cun cantos de allegria

Lughe ‘e vida mia

Isculta s’anninnia


Aninnia, aninnia

Anninnare, anninnia


Cando sa notte

De seda biaitta

Cun lughes de oro

E boghes de entu

Mi pesa su coro

In bolos de ammentu

Antigos ninnidos

Dae attesu enìdos


Aninnia, aninnia

Anninnare, anninnia


Drommi coro amadu

Dae tottus istimadu

Che oro preziadu

Dae chelu mandadu


Aninnia, aninnia

Anninnare, anninnia


 


11. ASTROLICAMUS

(Luigi Marielli)


Dansa in su ‘entu ‘e tramuntana
dansa umpare a mie,
dansa in su mare ‘e s’avventura
dansa in custa die.

Astrolicamus dae supra
de custa altura
narami de sa fortuna.


Bola in su ‘entu ‘e s’ingiustizia
bola umpare a mie,
bola in su mare ‘e s’indifferentzia
bola in custa die.

Astrolicamus chirchende su venidore
narami de custu amore.


Nois, sos ammentos
nois, sos trabentos
nois, che sirbones isperdidos
in su ludu, nois
tue e deo sutt’e una ferula
ube naschet sa chintula.


Dansa in s’annu duamiza, fiza
dansa umpare a chie?
Dansa in su chelu chi t’assimiza
fortzis umpare a mie.

Bola in su mundu ‘e sas tempestas,
bola in sas enas
beni chi astrolicamus.




12. NINNA NANNA ’85

(Giampaolo Selloni / Pietro Sotgia)


Commo drommi e reposa, ocror de mare,

drommim’in coro e sonnia cantu t’amo

sonnia cantu po te disizo e bramo

cantu tottu una mamma podet dare.


Non t’auguro carrozzar de oro

po chi t’imbidien fradicheddos tuos,

ma chi cadaùnu possedat so’suos

jochittos e carinnos d’unu coro.


Cherzo chi tue crescas forte e sanu

e inue est annidau su dolore

siar dispenseri ’e tantu amore,

chin sa mente, su coro e chin sa manu.


E mannu, des intende sor disizos

de s’amore po un’umana rosa;

la der facher amante, mamma, isposa

coronandela ‘e brama e caror fizos.


E ispargher impare innor d’amore

po tottucanta sa familia umana,

ponende pache inue b’hat mattàna

inue b’hat un’ispina, unu viore.




1. NASCITA

(Gavino Murgia /  Stefania Deluigi)


Soffia il vento

Sorge il sole

Una donna dona la vita

Volano echi d’amore


Rondini leggere in cielo

Sorride il sole

Occhi d’angelo

Onde lucenti di rugiada


Nascita

Pianti di allegria

Dentro l’anima mia

Affiorano le radici

Ondeggiano le fronde

Nasce la vita


Voci di bambini

Riscaldano il cuore

Danzano i capelli

Come fili d’oro


Le stelle di S.Lorenzo

Fioccano come neve

La vita chiede di essere vissuta

E nasce il giorno








2. POLVERE

(Salvatore Scala / Giuseppe Gadau)


Tu sei nata, tu sei cresciuta

Sempre insieme a me

Io ho riso, io ho pianto

Come te


Dalla tua terra al mio cuore

Corre un filo

Fatto di polvere che non vola

Anche se...


Tira un vento così forte che

Spazza via anche il ricordo

Più vivo


Tu no, polvere di Sardegna

Tu no, tu ti posi su di me

E tu, polvere di Sardegna

Tu non voli


Nelle tue rocce, sul mio viso

I segni del tempo

Sembrano lacrime di un vecchio ruscello

Ormai secco


Dal tuo cuore alla mia mente

Corre una speranza

Fatta di polvere che non vola

Anche se…


Tira un vento così forte che

Spazza via anche il ricordo

Più vivo


Tu no, polvere di Sardegna

Tu no, tu ti posi su di me

E tu, polvere di Sardegna

Tu non voli


Dalla tua terra al mio cuore

Dal tuo cuore alla mia mente




3. ANNA MARIA

(Giuseppe Gadau - Stefania Deluigi - Zuanni Mulas)


Soffia una tramontana che scoraggerebbe un leone,

ma Anna Maria si reca su per il monte

scalza, vestita di stracci, intirizzita,

rosicchiando una crosta di pane madre.


Tiene sotto il braccio un’ascia

logorata, una corda, un’ortulia*,

e cammina, cammina sopra la brina

come un fantasma in una strana visione.


Procede ignota martire e perde

le unghie dei piedi e si logora

il corpo nel bosco aspro e ribelle


Non ha paura, non piange, non si lamenta,

ma baratta la legna raccolta con

una stantia e amarissima polenta da tre soldi.


Non ha paura, non piange, non si lamenta.


* panno avvolto a cerchio e messo sulla testa a mo’ di cuscino per ammortizzare il peso della legna.



4. CICALA

(Mario Chessa / Franco Castia)


Ho le luci dell’anima

Accese dalla prima all’ultima

E vi canto il canto della cicala

All’estate m’hanno promessa sposa

Promessa sposa, vado promessa sposa


Nella stagione del merlo

Nevica il fiore del mandorlo

Io vi canto il canto della cicala

Perché non ho il cuore di una formica

Tabula rasa, la formica operosa,

tabula rasa, la formica operosa


vola il petalo della rosa

dentro la bocca dell’estate

guardate: imbandita è la mensa

di quanto c’è, di quanto c’è

al mondo, il mondo che domani

passa passando come fiume

che tanto, tanto l’inverno non lascia

niente, niente…




5. VALLE LONTANA

(Antonio Costa / Antonio Strinna)


Sotto il cielo di mio figlio
adesso si canta per tre giorni:
valle lontana, valle di san Lorenzo,
soltanto io piango pensando a te.

Me l'hai ucciso senza pietà
con una roccia rubata a Dio:
valle lontana, valle di San Lorenzo,
come faccio a perdonarti?

Gente allegra e bella festa,
poeti in ogni casa.
voglio cantare, voglio pregare,
ma il mio cuore non mi ascolta.

Dammi la mano, San Lorenzo,
c'è il tormento dentro di me.
Dammi la mano, mi sto perdendo
fammi sperare insieme a te.




6. SU C’AMO

(Antonio Mula / Ignazio Serra)


Amo quanto nel mondo è armonia

Quanto è luce divina e risplendore

Amo la dolce e santa mamma mia

Amo le rose, amo ogni fiore


E amo il soave mormorio

Delle chiare onde del fiume

Amo il cantare degli uccelli,

le stelle, la luna e il mare


Amo le aurore viola

E m’innamorano i tramonti d’oro (dorati)

Amo la gente triste, orfana e sola

E donerei loro anche il cuore


Ma più di tutte le stelle

Amo i tuoi occhi lucenti, bella

Gli occhi tuoi belli di zaffiro

Che rubano al cuore il sospiro





7. NANNEDDU MIO

(Nicolò Rubanu - Tonino Puddu - Peppino Mereu)


Nanneddu mio,

così va il mondo.

Com'era non tornerà più:


Viviamo tempi di tirannie,

infamità e carestie.

Ora i popoli sbadigliano come cani,

gridando a gran voce "Vogliamo pane".


Noi affamati stiamo mangiando

pane e castagne, terra con ghiande.

Terra che in fango riduce il povero

senza cibo e senza riparo.


Nanneddu mio,

così va il mondo.

Com'era non sarà più.


Siamo assetati alle fontane,

lottando per l’acqua sembriamo rane.

Peggio della sete è la fame, che bussa con forza

ad ogni porta e non perdona.


Nanneddu mio,

così va il mondo.

Com'era non tornerà più.


Quelle trenta cantine del vino buono

erano come bandiere e ora hanno cambiato colore.
Appena spente quelle bandiere
non si vedono più persone sbronze.




8. UOMO

(Salvatore Scala / Giuseppe Gadau)


Tu che non vuoi

Cambiare la tua vita

Fermare il tempo

Meglio di no, meglio di no


Tu che non vuoi

Pensare a un domani

Che ti sembra nemico

Meglio no, meglio no


Uomo, non temere la vita

Non temere la vita

La vita sei tu

Uomo, la notte è finita

E una chiara alba

Riscalda il giorno


Tu che non puoi

Tu che “Non fa per me”

Tu che non dai mai retta

Meglio di no


Tu che potresti

Toccare il cielo… ma

Piangi e cadi

Ora no, ora no


Ascolta il tuo cuore

Ascolta la tua mente

Ciò che hai dentro di te

Ora si, ora si


Uomo, uomo

La notte è finita

Non temere la vita




9. NON POTHO REPOSARE

(Giuseppe Rachel / Salvatore Sini)


Non posso riposare, amore del mio cuore,
sto pensando a te ogni momento.
Non essere triste, gioia d'oro,
né addolorata o preoccupata.

Ti assicuro che desidero solo te,
perché ti amo forte, ti amo e t’amo.

Se mi fosse possibile prenderei
le forme dello spirito invisibile dell’angelo.
Ruberei dal cielo il sole e le stelle
e creerei per te un mondo bellissimo,
per poterti regalare ogni bene.

Giglio fiorito, candido come la neve
sei sempre presente nel mio cuore.

Amore mio, amore mio, amore

Vivi senza amarezza o dolore.


Ti assicuro che desidero solo te,
perché ti amo forte, ti amo e t’amo.





10. LUCE DELLA MIA VITA

(Ignazio Perra - Pasquale Perra)


Ninna nanna

Per farti addormentare


Dormi anima mia

Con canti d’allegria

Luce della vita mia

Ascolta la tua ninna nanna


Ninna nanna

Per farti addormentare


Quando la notte

Di seta blu

Con luci d’oro

E le voci del vento

Fa volare il mio cuore

In voli di ricordi

Antiche ninne nanne

Giunte da tempi lontani


Ninna nanna

Per farti addormentare


Dormi cuore amato

Da tutti stimato

Come oro prezioso

Mandato dal cielo


Ninna nanna

Per farti addormentare




11. ASTROLGHIAMO

(Luigi Marielli)


Danza nel vento di tramontana
Danza insieme a me
Danza nel mare dell’avventura
Danza in questo giorno

Astrologhiamo da sopra quest’altura
Parlami della fortuna


Vola nel vento dell’ingiustizia
Vola insieme a me
Vola nel mare dell’indifferenza
Vola in questo giorno

Astrologhiamo cercando il futuro
Parlami di questo amore


Noi, i ricordi
Noi, le cadute
Noi, come cinghiali dispersi
nel fango, noi
Tu ed io sotto una ferula
Dove nasce l’arcobaleno


Danza nell’anno duemila, figlia
Danza insieme a chi?
Danza nel cielo che ti assomiglia
Forse insieme a me
Vola nel mondo delle tempeste
Vola nelle pianure
Vieni che astrologhiamo!





12. NINNA NANNA ’85

(Giampaolo Selloni / Pietro Sotgia)


Ora dormi e riposa dentro il mio cuore,

cchi di mare. Sogna quanto t’amo,

quanto per te desidero e bramo

quanto tutto una madre possa dare.


Non ti auguro carrozze d’oro,

perché ti invidino i tuoi simili,

ma voglio che ognuno abbia i suoi

ninnoli e carezze di un cuore.


Voglio che tu cresca forte e sano

e dove è annidato il dolore,

tu sia dispensatore di tanto amore,

con la mente, col cuore e con la mano.


Da grande nutrirai il desiderio

d’amore per una umana rosa;

e la farai amante, mamma e sposa,

coronandola di brama e cari figli.


Ed espandere insieme inni d’amore

per tutta quanta la famiglia umana,

cospargendo di pace ogni discordia

e sovra ogni spina un bel fiore.